sotto terra, la luce

Sono tra gli utlimi arrivati, tra quelli che in un modo o nell’altro ti tengono sott’occhio, e quando possono, ti raggirano.
oggi ho scoperto di essere un piccolo bersaglio facile. Potevo aspettarmi un’aggressione, delle incisioni arabe minatorie sulla mia porta, la finestra sventrata da un ariete egiziana, invece arriva una busta nella casella di posta. la prima bolletta della luce.
128 euro in 23 gg.

io non vivo con le candeline in camera per risparmiare, ma neanche scialacquo watt o attacco l’impianto Bose per i festini.
Chiedo a Pia, la portinaia, di illuminarmi. mi dice di scendere in cantina. ci vado, è sotto il mio appartamento: una catacomba che sa di muffa, umido, e mummie della famiglia estense mai esumate è la prima volta che mi calo laggiù. trovo carcasse di vecchie fiat, frigo aperti e marroni denro, stufette e ragni di tutte le dimensioni. praticamente scendo per scovare se qualche simpatico vicino abbia iniettato i cavi del suo contatore nel mio, innaffiandomi di watt la bolletta.
Risalgo, nero come il mio vicino di casa del Senegal. Pia mi guarda e m’ascolta con la faccia di una che ha sentito quella storia altre cento volte. Mi dà pure il numero di telefono da chiamare, in automatico.
“Chiama qui e domani mandano qualcuno a verificare che non li prendi per il culo. Esci dalla cantina e fai finta di niente, non essere nervoso, o fra mezz’ora scendono e rimettono i fili com’era prima. E l’aem ti multa”.
Santa Pia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: